MEILI SWISS

In fin dei conti è tutta questione della giusta Id-E

 

Missione.

MEILI AG è un costruttore di veicoli comunali di successo nei pressi di Zurigo. Presente nel mercato dal 1934, si occupa già da molti anni di “trazione elettrica”. R&S hanno gettato le basi, passo dopo passo, in un piccolo team. Nel 2019 viene pianificato il lancio di RETO.e e di BEAT.e: il nostro compito è quello di accompagnarne l’immissione con la comunicazione.

Servizi.

Strategia di comunicazione, denominazione dei prodotti, logo, design della cabina, web/landing page, campagne teaser e di lancio, affiancamento in eventi, contenuti/testi, social media, grafica/illustrazioni, ecc.

Il primo veicolo elettrico comunale al mondo non è solo online.

La capacità innovativa è un fattore di successo determinante. E grazie allo sviluppo costante degli ultimi 10 anni, tra assi portanti leggere, distribuzioni a cascata di ingranaggi e altre componenti speciali, è stata posta la base per un veicolo elettrico di successo.

Zero emissioni, 100% elettrici, silenziosi, sostenibili. BEAT.e e RETO.e mandano un messaggio chiaro: la responsabilità comunale può andare di pari passo con le qualità classiche di MEILI-tuttofare! Prestazioni eccezionali, robustezza durevole, flessibilità pratica. Il veicolo comunale dotato di QI ha vinto immediatamente il Watt d’Or 2020, il premio per le migliori prestazioni nel settore energetico dell’Ufficio federale dell’energia svizzero.

Mask Group 74
Mask Group 75

Corporate Design, progettazione del logo, design della cabina.

La sfida era riuscire a creare un aspetto uniforme, che si differenziasse dai veicoli a motore. L’intero Corporate Design (incluso un ulteriore colore aziendale) è stato concepito e implementato in modo coerente per questo nuovo business.

Campagne teaser, advertising

Per sensibilizzare il target, alcune settimane prima della presentazione del prodotto, è stata effettuata una campagna teaser: un accenno al nuovo veicolo, volto a incuriosire il pubblico di esperti. Con l’evento del lancio al Politecnico di Zurigo è stato svelato il mistero ed è quindi iniziata la campagna online e stampa.